Categorie del blog
Ultimi commenti
Nessun commento
Cerca nel blog

La contraffazione nel settore alimentare

Postato il1 Anno fa da

Il Marchio D.o.p., D.o.c. e Igp, sono sufficienti ad arginare il fenomeno della contraffazione? La risposta è purtroppo no. Secondo le stime, dalle bollicine francesi alla cipolla rossa di Tropea, quanto vale, solo in Europa, la contraffazione dei prodotti Dop e Igp? Una prima mappatura secondo il giornale IlSole24ore – nella Ue a 28 – ha provato a tracciarla la Euipo (l’Agenzia Ue per la tutela della proprietà intellettuale) che ha cercato di fotografare il giro d’affari dei prodotti Dop e Igp alterati o totalmente falsi.

Le conclusioni sono che, in Europa, il giro d’affari della contraffazione su cibi e bevande Dop e Igp vale almeno 4,3 miliardi di euro, circa il 9% della produzione legale. Mentre il danno ai consumatori – che credono, in buona fede, di comprare prodotti originali e invece acquistano quelli che non lo sono – ammonterebbe a circa 2,3 miliardi di euro (pari al 4,8% del totale acquisti).

Network anticontraffazione a guida Enea

In realtà si tratta di stime. Perchè all’indagine dell’Euipo – che ha elaborato dati 2014 – non hanno risposto tutti e 28 gli Stati membri della Ue. Ma solo 17. Per i quali, però, è accertato che la contraffazione di Dop e Igp raggiunge un giro d’affari di oltre 3,5 miliardi. Da quì, considerando le dimensioni e la differente capacità di produzione agroalimentare degli altri, si è giunti a stimare un danno complessivo di 4,3 miliardi.

I paesi più colpiti – dove si vendono più false denominazioni di origine – sono anche quelli dove si producono più originali. In cima, la Francia (con un giro d’affari da contraffazione di oltre 1,5 miliardi di euro), seguita da Italia (682 milioni), Germania (598 milioni), Spagna (266 milioni) e Grecia (234 milioni). Del resto, in Europa, è anche differente la “cultura” del consumo di questi prodotti, di gamma più alta e spesso più costosi: 234 euro di consumo pro capite in Francia contro i 32 euro dell’Olanda. I prodotti maggiormente “vittime” di contraffazione e frodi sono il vino (giro d’affari da falsi di oltre 2,1 miliardi, pari all’8,4% del mercato legale), gli altri alcolici (811 miliardi, pari al 12,7%), i formaggi (644 miliardi, il 10,6% delle vendite di originali), le carni (402 miliardi, ovvero l’11%) e frutta-verdura-cereali (94 miliardi di falsi, pari all’11,5% del mercato legale).

DOVE AVVENGONO PIÙ VIOLAZIONI

Le principali violazioni, invece, riguardano imitazione ed evocazione del marchio, etichetta ingannevole e falsificazione delle specifiche, riguardanti ingredienti e/o lavorazioni (come il corretto impacchettamento o porzionamento del prodotto). E se nel caso del vino le falsificazioni si con centrano soprattutto sulle imitazioni e sulle etichette ingannevoli, negli alcolici, oltre a queste ultime, il raggiro si rileva anche in informazioni false sugli ingredienti contenuti nel prodotto e sulla lavorazione per ottenerlo.Imitazioni ed evocazioni dei nomi originali – come la “Mortadela” slovena o il “Parmezali” rumeno – sono, invece, “tipici” nel commercio di formaggi, carne e prodotti vegetali.

“Dobbiamo fare di più. E soprattutto l’Europa deve alzare il livello della tutela e della garanzia delle produzioni di qualità”

Prezzo Protetto è una parte risolutiva a questo fenomeno.

Articoli correlati
Lascia un commento
Lascia una risposta
Per favore login per inserire un commento.

Menu

Impostazioni